immagine del caricatore
Overlay del sito

Problema di iperattività del mio bambino adolescente con autismo: devo usare il Ritalin?

2
1

Perdonami se è inappropriato, ma leggendo questo la mia reazione è una domanda:
"Dov'è esattamente il problema?".
(Non è descritto abbastanza precisamente, almeno per me; ma quando la natura di un problema non è sufficientemente comprensibile o evidente, è ovviamente difficile analizzarlo per cercare soluzioni.)

Questo bambino è iperattivo e dorme pochissimo: beh, è ​​un dato, un parametro, un fatto.
Ora, supponiamo (solo per vedere cosa dà), l'ipotesi che non vogliamo (o non possiamo) modificare questo parametro, che è "immodificabile". Un po 'come una montagna.

Quindi l'approccio sarebbe quello di cercare di adattarci, o di "aggirare il problema".
Nota che, per questo bambino, questa situazione non sembra essere un problema.
(O almeno, non dice nel post, a parte il fatto che "brucia molta energia", il che non sembra essere un problema evidente. Inoltre, sembra che stia dormendo 6 ore a notte, che suona decente (?).)

In questo caso, la situazione che si presenta è prima di tutto il fatto che sua madre (o altre persone) non riesce a dormire. Che è sicuramente un grosso problema.

Quindi, non sarebbe interessante provare un approccio come:
- "il problema è che la madre non riesce a dormire",
piuttosto che il tipo:
- "il problema è il bambino che non dorme",
e questo, almeno solo per vedere cosa succede?

Ad esempio, perché la madre non riesce a dormire?
Rumore ? Ansia? Paura che si faccia del male, che rompa qualcosa?
O forse non insiste che lei si prenda cura di lui a tutte le ore del giorno e della notte?

Sulla base di queste informazioni, potrebbe esserci un modo per affrontare la situazione in modo diverso, consentendo alla madre di dormire. (che, a priori, è il problema principale, ed è abbastanza logico e legittimo che lei possa dormire, indipendentemente da qualsiasi altra considerazione o ragionamento).

A meno che questa situazione di iperattività non costituisca un vero problema per questo bambino (per la sua salute, per la sua psiche, non lo so ...).

Non ho un figlio, ma se lo avesse, immagino che inizierei cercando di renderlo più calmo:
- a partire dall'attività fisica (ma nel caso qui presentato ovviamente questo non basta),
- con il cibo (cibo sano e naturale, senza alcuna sostanza che possa eccitare o disturbare),
- e creando un ambiente di vita armonioso, senza disordine e senza fonti di eccitazione. (Perché non aggiungere nemmeno musica "zen", luci o video rilassanti e persino profumi che abbiano lo stesso effetto?)

Già tutto questo dovrebbe aiutare molto. Queste sono le condizioni di base, credo.
Secondo me, se non sono presenti, è difficile ragionare o fare “esperimenti”, cercare soluzioni.

E poi, se queste condizioni di base non fossero sufficienti, riuscirei a dormire in una stanza sufficientemente ben isolata, assicurandomi che mio figlio non possa farsi male, scappare o essere vittima (o carnefice). ) di un problema durante il sonno.

Dopotutto, se vuole o ha bisogno di esercitarsi fisicamente, perché no (soprattutto a questa età), purché non sia dannoso per lui, e purché io possa almeno dormire.

A volte devi darti la priorità (come genitore o come adulto), anche se a priori questo può dare l'impressione di trascurare tuo figlio. Come ad esempio con l'obbligo di iniziare da soli a indossare una maschera per l'ossigeno su un aereo, prima di prendersi cura del proprio bambino.

Comprerei anche una “cyclette” o una macchina del tipo “ellittico” se il bambino è abbastanza motivato per usarla.
(E se gli piace guardare i video, ad esempio, creerei un sistema che mostrerebbe lo schermo video solo se sta pedalando o correndo sulla macchina (che non sembra molto difficile da fare), quindi lo stancherà, o almeno lo costringerà a usare la macchina, il che non è necessariamente facile per un bambino con autismo.)

E poi non è molto complicato rendere "sicura" una stanza o un appartamento: è solo questione di organizzazione, di "fai da te", di aggiungere serrature su armadi e credenze, e se necessario sulle finestre e sulla porta d'ingresso.

Costringere un bambino a trascorrere 8 ore di notte in un appartamento completamente chiuso non mi sembra offensivo.

E tutte le cose fragili o preziose, le mettiamo in una stanza chiusa a chiave (ad esempio il soggiorno).
E chiudiamo la porta della cucina di notte.
È possibile una porta dell'appartamento che può essere chiusa dall'interno. Eccetera. eccetera.
Ci sono mille modi e piccoli consigli per rovinare meno la tua vita.
È una questione di adattamenti.

Infine ... questi sono solo alcuni pensieri, da quel poco che indovino da questo post (e ho visto questo bambino una volta, 5 anni fa)...

Che ne pensi?

-

Per quanto riguarda il Ritalin, non ne ho idea, in quanto inizierei con un approccio drasticamente diverso, come ho cercato di delineare sopra.

Ma se altri utenti qui hanno qualche suggerimento sul Ritalin o altri suggerimenti o opinioni su questo problema, si spera che acconsentano a scrivere una risposta.

(Puoi anche commentare la domanda e commentare le risposte, per chiarire i dettagli.)

  • È necessario per inviare commenti
Mostrando il risultato 1
la tua risposta

per favore prima di inviare.

Ci aiutano

Fai clic su un logo per sapere come